Ros natalizzatrice

Babbo Natale alla maniglia della porta finestra della cucina ros-sastraCome avete trascorso questo fine settimana, mie care amiche e amici?

La filosofa Ros, nel momento in cui digita le lettere sulla tastiera del PC, è in uno stato di euforia perchè, meno di un'ora fa, ha comprato l'ultimo regalo per Natale. Anche per quest'anno gli acquisti sono finiti. Ovviamente per tutto il pomeriggio ha piovuto come non mai.

Ad eccezione di oggi, quando la filosofa Ros e la socia/sorella sono schizzate da un punto all'altro della cittadina di A. per le spese, il fine settimana è trascorso abbastanza serenamente.

Venerdì sera gli affiatati coniugi hanno gozzovigliato e bivaccato con l'amica A. e l'amico G., calabresi purosangue. La cena è stata intervallata da innumerevoli, eccessivi e generosi brindisi. Le donnine sembrano a turno la zia di Toula che grida Hoppa! nel film Il mio grosso, grasso matrimonio greco. Da vere signore hanno alzato il gomito più dei mariti, svenendo verso le undici.casette porta candela comprate a Colmar e a Friburgo

Sabato la chef Ros, dopo aver dormito saporitamente a mo' di involtino nel suo piumone, ha sfornato un paio di delizie che vi proporrà in breve tempo, si è riposata un po', dopo essersi data un gran da fare pulendo la casa coniugale da cima a fondo, e si è dedicata poi in serata alla sua attività prenatalizia preferita: l'addobbo sfrenato.

angioletto con i capelli spiritatiPer natalizzare la casetta filosofica, la Ros ci impiega buone tre ore. Per l'albero e per piazzare in giro i decori comprati nei vari mercatini.

Lo scorso periodo prenatalizio, trovandosi nel paradiso delle pinze, delle viti e delle tenaglie, gli affiatati coniugi cercarono invano una decorazione per i loro due camini. Non so se avete presente quei magnifici rami di finto abete (gli sposi ecologisti sono contrari al taglio degli alberi per il Natale), con pigne e palline, che abbelliscono le case americane... Ecco, la filosofa Ros aveva molto chiaro come dovevano essere...come quelli delle case americane! Purtroppo, l'unica cosa che i due riuscirono a trovare fu un patetico filo verde con fiori di stelle di Natale, rossi e bianchi, appiccicati qua e là. Costo: euro 5. E tanto valeva....pupazzo di neve sulla maniglia del congelatore

Quest'anno invece la Ros-sastra, accompagnando il suo amore in una delle indispensabili soste nel megastore del "fai da te" e lasciandolo al reparto "stucchi e pitture" in pieno delirio, si è diretta nella sezione "crastole e gingilli inutili per il Natale", l'unica che lei ama e della quale può godere un solo mese all'anno e un urlo entusiastico ha rotto la concentrazione degli uomini presenti nel negozio, tutti intenti a leggere le istruzioni per il montaggio di qualche attrezzo.

La Ros, puntato da lontano un cesto pieno di finti rami di abete, si è lanciata a razzo verso di esso e, da vera paranoica, ha ispezionato lo stato di ogni confezione, selezionando quella "perfetta" fra le cento presenti e, assieme ad un mucchio di palline dorate e lucine a led trasparenti, è corsa dal marito M. per mostrargli vittoriosa e soddisfatta il bottino.

Il coniuge era al settimo cielo e sorridente: "amo, guarda cosa ho trovato...i giravite a squadro! Magnifici, non trovi?".

Topolino in slitta"Sì, come no...sono indubbiamente bellissimi (?!)...ma ci servono?".

"No, assolutamente no, ma che c'entra...un giorno potrebbero essermi utili... Devo averli, amo!" e giù a ravanare fra i giravite.

"Io invece ho trovato i rami per i camini che cercavamo da due anni. Ti piacciono?".

"Sì, carini.... Scusami sono un po' distratto...ma dinanzi al giravite...".

La sposa Ros ha sospirato e si è diretta alla cassa, mentre il suo lui gettava un ultimo sguardo al reparto "carabattole elettriche".

Tornati nella casetta fra i monti, la decoratrice si è sbizzarrita. Il marito M. è stato strappato via dalla sua amata cassetta degli attrezzi...ehmmm...armadio degli attrezzi... e obbligato a partecipare all'operazione, fingendo entusiasmo. La Ros, in uno slancio di generosità, lo ha però sollevato dal canticchiare canzoncine natalizie mentre sistemava il ramo sul camino della sala. Il risultato è quello della foto. Albero e camino imbellettato, in versione notturna e romantica. Che ne pensate?albero e camino decorati, in modalità notturna

Nelle altre immagini le decorazioni acquistate negli anni scorsi nei mercatini tedeschi e francesi.

I preferiti della filosofa? Le due casette, una acquistata in Alsazia, a Colmar, e l'altra a Norimberga, che con le candeline accese sono deliziose, l'angioletto con i capelli dritti in testa comprato a Friburgo e le decorazioni per le finestre, Babbo Natale e Topolino in slitta, scelti su una bancarella a Monaco di Baviera, mentre la ragazza si spazzolava un hot dog da 50 cm e tracannava un tazzone di vin brulèe bollente. Mai spesa fu più felice e ispirata.

alberello comprato a MonacoPoi c'è il pupazzo di neve sul manico del congelatore. E' il posto più coerente, non trovate? Il pupazzo però è nostrano, comprato all'Ipercoop due anni fa, ihihih.

Vi sarà risparmiata la visione degli asciugamani con gli abetini, delle tovaglie in tema, degli strofinacci con le slitte, della presina rossa e i portacandeline natalizi sparsi ovunque.

Se la Ros-sastra continuerà ad acquistare decorazioni nuove ogni anno, cosa assolutamente probabile, ben presto Santa Klaus mollerà la baita di Rovaniemi e le renne per piantare le tende in casa della filosofa Ros e del marito M., nell'ameno e nevoso comune di S. della cittadina di A..

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Marzo 2017
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog