La Ros è pronta al Natale! ...Beh...quasi pronta! ...O meglio...sarà mai pronta?

Altre decorazioni natalizie ros-sastre: l'alberello trasparente, con i suoi pendenti, e il Babbo Natale, meravigliosamente in sovrappeso ;-)La settimana che precede la festosa sera del 24 dicembre, il Tempio della Bellezza e del Benessere ti stronca sul nascere le già poche energie e il ridicolo, pressochè inesistente, tempo libero in possesso.

La socia/filosofa si sta nutrendo di ansia da "pacchetti perfetti", annota appuntamenti per la cura delle ancelle, parla per dodici ore con scarse interruzioni e i suoi pensieri sono pervasi da schemi organizzativi surreali, per pianificare la spesa e la preparazione dei piatti, in contemporanea con il frenetico svolgimento dell'attività lavorativa.

Il risultato di questi sette giorni è che le socie/sorelle, anche la sera a cena, mantengono costante un tremolio alle mani e una voce bassa e roca, molto sensuale.

Quest'anno però, il 24 mattina, la socia/filosofa resterà a casa, per spignattare e, da brava sguattera, ripulire la casa coniugale e ricevere gli ospiti, mentre la socia/sorella si immolerà nel Tempio per l'intera giornata, per i trattamenti e i regali dell'ultimo minuto. L'anno scorso le porte si chiusero alle 20 e qualcuno ancora chiedeva pacchetti e gift card, mentre si spegnevano i faretti e le candeline.

La chef Ros per questa vigilia tenterà di superarsi per leccornie e prelibatezze. Ha già previsto il duro lavoro da massaia la domenica per poi godersi il lunedì chiusa in cucina, con la madre che l'aiuta e, per la prima volta, con un nipotino/pulcino di vedetta. La chef Ros sa che la minuscola presenza potrebbe farle commettere qualche sciocchezza, perchè la distrazione è fatale in cucina, ma il piccolo L. sarà frastornato per l'intero giorno a causa dei ripetuti raptus sbaciucchiosi della zia, entrando così a pieno titolo nella famiglia degli storditi.

La filosofa, impeccabile donnina di casa, nel pomeriggio apparecchierà ben benino la sua tavola, accenderà le candele rosse, sistemate nei candelabri d'argento, e disporrà con eleganza i vassoi, colmi di antipasti stuzzicanti e originali, sul tavolino e sul lungo mobile bianco della sala, chiaramente decorati. Poi, con il suo abito più bello, riceverà gli invitati al banchetto della Vigilia, con il sottofondo di musiche evocanti il Natale e la magia delle feste e il tintinnio del cristallo delle flȗtes, traboccanti di scoppiettanti bollicine di Prosecco. Un brusio di risate e chiacchiere accompagnerà la superba cena, stile Nigella, e l'apertura dei regali.

In realtà questo non avviene nemmeno nella realtà parallela della filosofa Ros, perchè è proprio una cosa lontana anni luce da lei.

La Ros, imbambolata donnina di casa, a fine pomeriggio si ricorderà di dover ancora apparecchiare la tavola, per cui si farà prendere dalla frenesia, mollerà la cucina nella mani materne e correrà a cercare una tovaglia degna per la cena del 24.

All'ultimo minuto le tornerà alla mente di non aver pulito per tempo, anche quest'anno, i suoi candelabri di argento, anneriti che nemmeno il carbone; accidenti, ora che ci pensa, potrebbe provvedere alla lucidatura nottetempo...ok, niente candelabri, ma tanto le candele lunghe e rosse non ce l'ha, mentre non le fanno difetto vagonate di candeline Ikea che neanche a Stoccolma... portacandeline ce ne sono a bizzeffe, quindi si accenderanno quelle!

Lanciati gli stuzzicanti e originali antipasti, avanzati dagli assalti furtivi dei familiari, sui vassoi, la Ros-sastra li disporrà a caso sul tavolino e sul lungo mobile bianco della sala, accorgendosi solo alla fine di non aver decorato nè l'uno, nè l'altro. Il suo repertorio di crastole natalizie le verrà in soccorso, un secondo prima che gli ospiti avranno varcato l'uscio di casa e lei sarà ancora sottosopra.

Invece del sottofondo di musichette natalizie e del tintinnio del cristallo delle flȗtes, si sentirà lo sfrigolio delle frittelle che sua madre friggerà in abbondante olio e il trillo del campanello del forno, che annuncerà l'imminente bruciatura dei rusticini, se qualcuno non presterà attenzione a sfornare la leccarda.

Il cognato R. regredirà all'età di suo figlio in un battibaleno e, senza nemmeno aver tolto la giacca a vento, raggiungerà elevati livelli di molestia, alternando le due frasi "quando si mangia?" e "posso assaggiare?" con "non sarebbe il caso di aprire i pacchi sotto l'albero?", concludendo con una motivazione fasulla del tipo "così facciamo spazio e stiamo più comodi" e per non spiattellare la dura verità "perchè sono due settimane, disgraziati che non siete altro, che tento di corrompere a turno ognuno di voi per avere un indizio sul regalo che mi ha fatto mia moglie, e voi invece...niente! Maledetti, la curiosità mi sta uccidendo e sempre voi, insensibili parenti, ignorate la mia tribolazione!".

Alla fine, mentre la povera mamma 'friggitrice' dovrà difendere le frittelline calde con la paletta, uno dei sette convitati, pescato a caso, inizierà a scuotere i pacchi per suddividere quelli fragili da quelli infrangibili o, per meglio dire, da quelli destinati a lui, ops la Ros-sastra si è tradita lasciando intuire il sesso del familiare di cui si parla, da quelli degli altri. Sistemata la pila dei propri doni, l'invitato in questione, li disporrà in ordine di grandezza, continuando a ripetere la frase "penso che dovremmo aprire i regali sotto l'albero...così dopo mangiamo sereni e possiamo commentare tutti insieme, grazie all'allegria e allo spirito gioioso delle feste!!".

Presi per sfinimento, si deciderà di scartocciare i pacchetti. Nel frattempo la Ros-sastra avrà forse posto rimedio al suo stato malconcio e si sarà resa presentabile, senza la farina sul viso o una vongola nella manica.

Lo scambio dei doni avverrà al principio con molta calma e pacatezza poi, puntualmente, si perderà il controllo e ci si ritroverà tutti in piedi a far volare la carta regalo e i fiocchetti e i bigliettini, in un turbinio di colori e caciara assordante.

Il nipotino/pulcino riceverà il battesimo del suo primo Natale e gli sarà finalmente chiaro con chi avrà a che fare, da lì fino ai prossimi anni della sua vita.

Voi, invece, avete già le idee chiare, avete organizzato ogni cosa, è tutto al suo posto? L'incredulità e l'ammirazione fanno capolino nella mente ros-sastra!!

Lei, appena potrà, vi aggiornerà e saprà dirvi se anche quest'anno sarà andata così. Nell'attesa...tanti auguri di buon Natale...e una felice sbronza a tutti!!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Agosto 2017
DLMMGVS
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog