Compleanno ros-sastro con peccaminosa torta all'arancia, ricoperta di cioccolato

Una torta peccaminosa...La Ros-sastra oggi festeggia il suo compleanno. Ci ha dovuto pensare un pochino a quanti anni compiva perchè, da distrattissima qual è, non sempre è pronta a rispondere alla domanda, soprattutto se è a bruciapelo.

Sarà che a lei gli anni che passano non spaventano affatto, ma non ha mai attribuito grande valore all'età delle persone.

Si può essere sprint a ottant'anni e noiosi a morte a venti. Ci sono anziani con un mucchio di interessi e pieni di progetti ancora da realizzare e ragazzi che sopravvivono invece di vivere.

Lei da vecchietta rientrerà nella categoria di coloro che, con un planisfero dinanzi, decidono l'itinerario da seguire, con zaino in spalla, per la successiva estate.

L'essere cerebralmente un'adolescente e fisicamente un po' in carne, quindi senza una ruga, nè una smagliatura (ihihih...c'è ben più di un vantaggio ad essere ciccettine), aiuta la filosofa Ros a vivere con entusiasmo i suoi 45 anni suonati.

Ieri ha dedicato la mattina a prepararsi la torta di compleanno, aperta già ieri pomeriggio.

Buona, delicata, profumata ma un po' asciutta, maledizione!!! Nonostante più di metà pentolino di sciroppo all'arancia. Inoltre...che casino la copertura di cioccolato!!!

Comunque, la torta se la sono spazzolata tutta, fra amici e parenti. Quindi forse, non era male!!

Il nipotino/pulcino è stato a far gli auguri alla zia, che lo ha strapazzato di baci, e a portarle il suo regalo.

Fra pochi giorni il piccolo L. compirà cinque mesi...e già ti guarda, fa un po' di strani movimenti con la bocca e quando è pronto ti fa una pernacchia, facendo seguire una grassa risata. Vi sembra normale? Stamattina è stato vaccinato. Per distrarlo dalla siringa gli è stato dato fra le manine un cavalluccio rosso, il suo colore preferito. Non ha nè pianto, nè profferito un "nghè"! E' usuale un comportamento simile? In compenso ha dato spettacolo nella sala d'attesa del medico, facendo baccano, ridendo a crepapelle e lanciando gridolini. La famiglia ros-sastra è preoccupata per quando inizierà a camminare.

La Ros vi riporta in breve la ricetta della sua torta, facendo precedere gli ingredienti, come le ha chiesto di fare la sua amica V., con la raccomandazione di bagnarla un po' di più di quanto ha fatto lei.

Dunque, per il pan di spagna: 6 uova intere, 250 gr. di zucchero, 250 gr. di farina, 1 bustina di vanillina, 1 pizzico di sale, 1/2 bustina di lievito per dolci.

Mescolare le uova e lo zucchero, aggiungere i restanti ingredienti e infornare in una teglia imburrata e infarinata a 170°, in forno già caldo, fino a quando uno stecchino uscirà asciutto. Far raffreddare il dolce.

Nel frattempo preparate la crema al latte con 300 ml. di latte, 3 cucchiai di farina, 3 cucchiai di zucchero e una fialetta di essenza alla vaniglia. Far raffreddare anche questa.

Montate 500 ml di panna. Mischiatene qualche cucchiaio alla crema al latte e ripulite ben ben gli utensili, prima di metterli nella vaschetta per il lavaggio. A buon intenditor...poche parole ;-).particolare della fetta

Poi tagliate a metà il pan di spagna e bagnate il primo disco con uno sciroppo a base di acqua, zucchero, essenza di arancia e un cucchiaio di Cointreau. La pasticciera Ros non fornisce dosi perché lavora ad occhio e improvvisa.

Farcite con la crema e coprite con l'altro disco che bagnerete anch'esso con lo sciroppo. Saranno stati i fumi dell'alcol, perché mentre lavorava si è fatta fuori un bicchierino di Cointreau, nettare degli dei, ma per quanto la Ros abbia intriso la torta di sciroppo non si sentiva granchè. La prossima volta abbonderà maggiormente.

Guardando un video su you tube, la filosofa pasticciera ha imparato che per far sì che la crema di cioccolato scivoli bene su un dolce è necessario ricoprire la torta con uno strato di gelatina o di marmellata, filtrata attraverso un colino a maglie fitte. La Ros ha scelto quest'ultima opzione, ritenendo che la confettura di arance si sposasse bene con l'aroma agrumato della sua torta e per il cioccolato fondente che l'avrebbe ricoperta.

Mettendo in una pentola un goccio di acqua e un paio di cucchiai di marmellata di arance, la pasticciera filosofa ha portato ad ebollizione, ha filtrato il liquido ottenuto e con un pennellino ha ricoperto il dolce.

Poi ha sciolto a bagnomaria il cioccolato fondente fatto a pezzi, tranne uno che è finito subito in bocca e ha reso la restante operazione molto più piacevole, con un pezzettino di burro e un goccio di latte e ha versato la crema scura sulla torta. Cioccolato ovunque.

Per la sua solita vergognosa pigrizia, la pasticciera ha ritenuto inopportuno il consiglio di posizionare la torta da ricoprire su un piatto della stessa esatta circonferenza del dolce, sistemarlo sulla gratella con un foglio di carta forno al di sotto e versare la copertura. Noooo! Lei ha pensato...che pignoli questi pasticcieri!

Risultato: il cioccolato è colato ovunque e solificandosi sul bordo del piatto da portata è diventato cemento a presa rapida. La Ros ha rimediato, come suo solito. E infatti, come rimedia lei, nessuno mai. Ha montato un'altra confezione di panna e ha decorato il bordo marmificato con ciuffetti aggraziati. Sul dolce, per coprire le imperfezioni, ha cosparso codette di cioccolato fondente. Indi, ha afferrato la base del piatto e ha sbattuto la torta in frigo, fino alla sua apertura, avvenuta circa 4 ore dopo.

Se qualcuno istituisse un premio per le raffazzonature, lei vincerebbe la posizione più alta del podio.

La Ros ha trascorso il compleanno esattamente come voleva. A casa sua, con il marito M. che le gironzolava attorno e che le ha regalato ben due guide turistiche, una per l'Olanda e un'altra per la Danimarca. Forse voleva dirle qualcosa e lei non ha colto?

Pensandoci bene... "Amo!!! Sappi che ovunque mi vorrai portare...la risposta è sì! Sei indeciso fra le due mete? Vanno bene entrambe, mi piacciono tutt'è due!!!". Sapete com'è? A scanso di equivoci....

Il resto del pomeriggio ha visto la Ros-sastra al PC e sul divano della mansarda a leggere un avvincente romanzo, ambientato nel Medioevo. Il divano è posizionato proprio al di sotto di un grande lucernaio. Puoi leggere una pagina e gettare uno sguardo al cielo azzurro, leggere una pagina e lanciare un bacino al marito M..

La Ros un compleanno più bello non saprebbe immaginarlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Dicembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Suggerimenti

Tag-cloud


Articoli collegati

Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk