Ogni scusa è buona...

tortine dal sito es.fotolia.comCittadina di A., comune di S., casa degli affiatati coniugi, camera da letto.

Ore 4.30 del mattino.

Gratt...gratt...gratt...

La filosofa Ros si sveglia per un prurito insopportabile alla caviglia destra. Una zanzara, sicuramente.

"Malefica piccola disgraziata di una zanzarella..." mormora fra sè e sè, mentre continua a grattarsi forsennatamente.

"Amo...che c'è? Mamma che caldo...ma hai chiuso la finestra ieri sera?" chiede il marito M..

"Ero già in trance quando sono venuta a dormire. Non ricordo proprio se la finestra era aperta o chiusa. Non ti preoccupare, la apro io...".

La Ros spalanca le imposte e corre a prendere dall'armadietto dei medicinali una pomata contro le punture di insetto, saltellando sulla gamba sinistra e intenta a strapparsi la pelle sulla caviglia destra.

"Scaduta...vediamo da quando...settembre 2012. Vabbè, che sarà mai una scadenza di una manciata di mesi?" pensa la tizia.

Spalm...spalm...spalm...

La Ros torna a letto e inizia a rivoltarsi come una cotoletta nel pangrattato, tentando di non cedere ad un'ennesima scorticata. Chissà perchè lei elabora sempre metafore mangerecce :-D....

"Amo? Stai dormendo?" chiede la sposa rompina.

"No, ti stai agitando come una pazza... Messa la pomata?" risponde il povero uomo.

"Sì, ma è scaduta. Faccio un test. Se passa il prurito possiamo ancora tenerla per un po', se non passa la butto domani in farmacia e se passa tardi si giustifica con la scadenza...si sono dilatati i tempi perchè faccia effetto...".

"Una teoria bislacca ma è tua quindi è coerente con il personaggio...".

"Che intendi dire, sposo? Dobbiamo approfondire il discorso domani ma ora vorrei riprendere a dormire dopo un'ultima grattatina. Mi sa che la pomata finirà in un bidone...".

Ore 4.50 dello stesso mattino.

"Amo? Stai dormendo?" sussurra il marito M..

"No, mi prude da morire la caviglia, ho caldo e mi è pure venuta fame..." risponde con un sospiro la tizia.

"Ros, senti questo ronzio?" chiede l'affiatato coniuge.

"No...forse la zanzarella dei miei stivali...se la becco la spiaccico al muro con crudeltà e desiderio di vendetta...".

"No, non è la zanzara...sembra...un'ape..." risponde con sicurezza lo sposo.

"Un'ape? UN'APE? Ma sei sicuro? Io non sento niente...". La Ros sgrana gli occhietti e si mette a sedere sul letto.

"Mah...forse ho sognato..." ipotizza il marito M..

Driiinnnn.... la sveglia fa il suo crudele lavoro.

"Amo, ciao. Ci sentiamo più tardi. Cerca di riaddormentarti...pciu". L'affiatato coniuge suggella il definitivo risveglio con un bacino.

 "Mica hai il coraggio di andartene lasciandomi sola con una fantomatica ape?". La Ros tenta di afferrare il marito in fuga. Niente da fare. E' lesto e ha un invidiabile senso del dovere.

"Amo, non ti preoccupare. Era un sogno. Cerca di addormentarti, se ci riesci" le dice a bassa voce l'amato, chiudendo la porta.

Ciiiiiiiip, ciiiiiip, ciiiip. Frusc...frusc...frusc... Bzz...bzz...bzz...

"E come si fa a dormire in questa casaaaa? Uccelli, alberi sbatacchiati dal vento, zanzare fameliche e adesso anche api immaginarie!!! ...Amo, aspettami e tagliami una fetta di dolce...faccio colazione con te...".

In fondo, ogni scusa è buona per addentare una torta di pasta frolla, ripiena di soffice crema e scaglie di cioccolato fondente...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Ottobre 2017
DLMMGVS
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog