Delizie alimentari al Tempio della Bellezza e del Benessere

confetti mangiati in quantità industriali dalla Ros-sastra senza pentimentoSecondo voi, nel Tempio della Bellezza e del Benessere si può mai gozzovigliare, banchettare, sgranocchiare? Noooooo.

Il Tempio è il luogo celestiale dove si lavora per valorizzare la già insita bellezza delle ancelle, per curarne la linea e per renderle serene e, perchè no, felici.

Mentre le ancelle svolazzano gaie e spensierate da un lettino ad uno specchio, la socia/filosofa trascorre svariate ore alla scrivania, davanti al PC, in compagnia di numerose scartoffie e aggeggi elettronici, quindi per lei magici, e con la mano incollata alla cornetta del telefono.

E in alcuni momenti si contorce sulla sua sedia da donna manager con i crampi della fame.

Certo, perchè lei, dopo considerevole e cicciosa prima colazione, ha un'autonomia di un paio di ore prima che il suo stomaco cominci a battere cassa. Ma da straordinaria e seria imprenditrice qual è, resiste stoicamente, per poi avventarsi sul pranzetto preparato dalla Vestale senior, attualmente in congedo per nonnità.

Durante l'ultimo mese, la vestale Ros è stata sottoposta a tortura gratuita e crudele dalla socia/sorella, madre da poche settimane del nipotino L., la quale ha voluto offrire alle ancelle in visita i confetti azzurri del suo bambino.l'angolo delle tisane...da notare l'eleganza del samovar...che classe al Tempio della Bellezza e del Benessere!

Un invitante e ricolmo vassoietto è stato situato proprio dinanzi agli occhi della socia/filosofa che, lo confessa, di tanto in tanto faceva sparire qualche dolcetto, peraltro non di banale e scrocchiarello zucchero avvolgente una mandorlina, ma una nocciola tendente alla grandezza di una palla da ping pong, ricoperta di finissimo cioccolato al latte, a sua volta rivestito di zucchero croccante.

Per dirla in breve, una tentazione incessante.

Un triste giorno (ieri), i confetti sono finiti. Il vassoietto è stato fatto sparire e nel Tempio è ritornata l'austerità alimentare. La socia/filosofa avverte una mancanza struggente.

Cosa si può fare per colmare il vuoto? Cosa mettere sotto i denti in quelle due ore prima del pranzo e nelle altre due ore prima di cena?

cucurbitacea sotto spoglie spugnosePoche sono le alternative nel Tempio della Bellezza e del Benessere.

Uno. Saccheggiare il ripiano sul quale sono esposte le confezioni dei rimanenti confetti del nipotino L., con il rischio non remoto che qualche ancella a cui è stato destinato il piccolo cadeau ne resti sprovvista. La vestale filosofa non potrebbe sopportarne lo scrupolo. Il senso di colpa junior, per il quale sottrarre il cibo a qualcuno è atto vergognoso che merita la lapidazione con torte alla panna, in faccia non in bocca, glielo impedisce.

Due. Assumere al primo stimolo della fame 1, 2 o più tisane per idratare i tessuti e colmare di acqua ed estratti benefici il pancino. La preparazione della tisane, utilizzando lo splendido samovar del Tempio, che vedete nella foto, è operazione incredibilmente rilassante, soprattutto se coadiuvata dalle note musicali soporifere che aleggiano nelle sale e gli effetti delle tisane sono meravigliosi. Dopo corri al bagno, incredibilmente depurata, idratata, per nulla stressata ma sempre affamata.

Tre. Addentare una spugna di luffa, magari dopo averla tenuta in acqua per le 24 ore richieste per riportarne alla superficie un po' di morbidezza, in virtù di ciò che è stata nella sua vita precedente, ossia una cucurbitacea, commestibile solo da piccina e pare dal gusto poco deciso. La voglia di mordere, guardando la spugna, passa immediatamente. Il crampino resta.zucchero...l'ultima spiaggia...

Quattro. Dare fondo alle bustine di zucchero da fornire alle ancelle che desiderano addolcire le tisane, nelle varianti zucchero bianco, zucchero di canna, dolcificante. La vestale filosofa ne è poco attratta perchè fa tanto "mi sento svenire...".

Quinto. Portarsi da casa caloriche merendine da tirar fuori dalla borsa di soppiatto per smangiucchiarle in momenti strategici, evitando di farsi beccare da qualche ancella con briciole sulla maglietta o cioccolato sulla faccia, e mandando giù alla svelta l'ultimo boccone, quello da gustare più intensamente e a lungo, per inopportuno squillo del telefono. Troppo stress nel Tempio anti stress...

In conclusione. Se passate nei prossimi giorni al Tempio della Bellezza e del Benessere e siete accolte da una giunonica fanciulla cespugliosa in preda a inspiegabili contorcimenti sulla sedia, ecco...non è mal di pancia...ma fame...primordiale e quindi ancor di più...fame!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Marzo 2017
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog