Arrivo a Nottingham. 1.a parte

nottingham085 bigLa mattina di giovedì 17 maggio i coniugi innamorati partirono per il loro viaggio nelle terre del mitico Robin Hood.

La filosofa Ros saltellò felice, anche dentro l'auto, mentre si dirigevano verso l'aeroporto della metropoli.

La consueta attesa per l'imbarco li vide girovagare e spendere subito qualche quattrino nei soliti due posti...in libreria, per acquistare un romanzo leggero, Piccoli limoni gialli, ambientato nella loro amata Stoccolma e la cui vicenda si sviluppa nel mondo della ristorazione, e al bar, dove la cara Ros, per non incorrere nella terribile prospettiva del digiuno per svariate ore, fece subito uno spuntino.

Erano le ore 11 e lei aveva fatto colazione da un paio di ore. Stavolta però ha deciso di non sottrarsi al pubblico ludibrio e posta la foto in cui si è fatta immortalare con una deliziosa quiche al formaggio dinanzi, pietanza idonea per una seconda colazione, non c'è che dire. Da notare il cespuglio scomposto e l'espressione beata della Ros-sastra...lei quando mangia è così...Ros fa uno spuntino all'aeroporto...

Il volo verso Nottingham diede da pensare alla sposa Ros. Metà dell'aereo era vuoto, l'altra metà era composta da inglesi, ad eccezione di 4 italiani, tra cui loro due. Il volo fu silenziosissimo, più di quello preso per andare a Stoccolma. O il gioco del silenzio si fa anche nel Regno Unito o Nottingham è negletta sia dagli italiani che dagli anglosassoni, arguì la filosofa.

Atterrati nel piccolo aeroporto di East Middlands, in due minuti il marito M. e la sua sposa, già in stato confusionario per la contentezza, salirono sul bus che conduce in città all'incirca in un'ora, alla modica cifra di 10 pounds.

I tragitti in cui la viaggiatrice Ros è comodamente seduta e può già farsi un'idea dei luoghi, sono i suoi preferiti. Tutto era molto english, dal cielo plumbeo alle case con i giardini in fiore, dai cavalli in libertà nei prati tagliati...all'inglese, alle cabine telefoniche rosse. Tantissimo verde inframmezzato da distese di giallo. Magnifico!!

L'hotel prenotato dal marito M. si trovava in una zona strategica per visitare la città: a 10 minuti a piedi dalla stazione dei bus, dalla metro, dalla stazione ferroviaria e dai taxi. Mica fa scelte casuali il consorte...!

Sistemati nella loro stanza al decimo piano, immortalata in una foto prima che il disordine prendesse il sopravvento su ogni singolo oggetto della stanza (clicca quì se vuoi saperne di più sull'argomento), i due scesero subito per una passeggiata nel centro storico di Nottingham.

Prima di lasciare l'hotel la filosofa Ros, che parla un impeccabile inglese, talmente impeccabile che lo capisce solo lei, stressò il marito M. affinchè chiedesse alla receptionista qualche info per raggiungere i posti che da tempo lei desiderava vedere.

nottingham008 bigUn inciso. Il marito M. detesta chiedere informazioni. Lui preferisce girare ad esempio un'ora a vuoto quando deve raggiungere un posto piuttosto che fermare un passante. Chiaramente, quando raggiunge l'obiettivo, lo fa pesare al genere umano. Il tempo impiegato nell'impresa è secondario.

La filosofa Ros invece, sempre socievole e logorroica, non si fa scrupoli a vessare chi le capita a tiro con domande, anche a trabocchetto, pur di accellerare i tempi. In questo caso lei, generosamente, non volle mettere in difficoltà l'addetta alla reception che, pur essendo nata nel Regno Unito, non avrebbe potuto sostenere un'intera conversazione nel perfetto inglese Ros-sastro, per cui spinse avanti il marito M. che parla anche lui la lingua piuttosto bene ma, a differenza della moglie, si è sempre fatto comprendere dagli autoctoni e dai professori della prestigiosa scuola di lingue frequentata per anni.

Purtroppo la signorina alla reception, pur essendo del luogo, non conosceva un piffero delle bellezze locali, soprattutto quelle culturali:

“Salve signorina. Ci potrebbe dire per favore quali sono gli orari di apertura della residenza di Byron, il poeta romantico poco squattrinato, a Newstaed Abbey?”.

“...Ehmmm...Robin Hood?”.

“Sì, Robin Hood...abbiamo capito questo, ma a noi interessava anche Byron...”.

“...Ehmmm...Robin Hood...!”.

“No, signorina. Robin Hood è un'altra persona....Vabbè, ci sa dire almeno gli orari di apertura del Museo di Nottingham, per favore?”.

“...Ehmmm...”.

“Grazie mille signorina. E' stato comunque un piacere...ma saprà almeno la sua data di nascita? In tutti i casi buona giornata. Amore, andiamocene la ragazza non sa niente...ehi, che stai facendo...? Non puoi azzannarle il collo solo perchè è ignorante! Amore! Lasciale il braccio Ros...tu hai sempre creduto nella democrazia. Anche chi non sa chi è Byron ha diritto alla vita!!!!”.

I due uscirono dall'hotel e solo allora la filosofa Ros placò la sua stizza.

Per la seconda parte, cliccare quì.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Agosto 2017
DLMMGVS
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog