Torùn. Ultima tappa del viaggio di Ros in Polonia

Torùn. Piazza del Mercato VecchioL'ultima tappa del viaggio di Ros in Polonia è stata una piccola cittadina della Pomerania, a metà strada fra Danzica e Varsavia, che lei mai avrebbe potuto trascurare nel suo itinerario, per una serie di ragioni che vanno ben oltre una programmazione tecnica.

Torùn è famosa per aver dato i natali a Nicolò Copernico, il famoso astronomo grazie al quale si definì la teoria eliocentrica, e quì è meglio che la filosofa si fermi altrimenti inizia a raccontare che meraviglia i suoi esami universitari sulla storia del pensiero scientifico e che spasso era il suo professore (magari in un altro post :-)), è una cittadina meravigliosa, ricca di bellezze artistiche, e inoltre ha superato quasi indenne la Seconda guerra mondiale.

Passeggiando per le sue strade, infatti, si possono ammirare le mura originali e le porte che un tempo si aprivano sul molo, gli splendidi granai, costruiti fra il XV e XIX secolo che fiancheggiano ancora le vie che portano al fiume Vistola, e la Torre pendente.La Torre pendente

Quest'ultima è una delle attrattive più interessanti di Torùn. Essa fa parte dell'antico sistema di fortificazioni della città e fu costruita verso la prima metà del XIV. Nonostante la forte pendenza, i pavimenti aggiunti più tardi sono stati livellati e questo consente ai boccali di birra serviti nel pub che oggi si trova al suo interno, di non scivolare dai tavoli ;-).

In giro per TorùnLa Ros e suo marito sono arrivati in città prima di pranzo, purtroppo con una pioggerellina fitta che ha reso un po' seccante la visita e tolto una luce ottimale alle foto. I due infatti, dopo aver mollato il bagaglio in albergo, un delizioso ex mulino riadattato con tanto di cascatella di acqua che scorreva a vista all'ingresso, si sono avventurati sotto la pioggia e rammaricati parecchio per non aver potuto godere appieno del fascino che emana Torùn.Casa di Nicolò Copernico. Una delle stanze

Ciò che è imperdibile da vedere nel piccolo centro storico, per il quale una mezza giornata è assolutamente sufficiente, sono la Cattedrale dei SS. Giovanni Battista ed Evangelista, la Chiesa della Vergine Maria, il Palazzo dei Vescovi di Kujawy, che oggi ospita l'Accademia di Belle Arti, ma soprattutto la casa natale dell'astronomo.

Accidenti, ragazzi! L'amico Nicolò se la passava decisamente bene! Il padre era un ricco mercante e la sua abitazione consisteva in due case, risalenti al XV secolo e quindi meravigliosi esempi di dimore gotiche, con facciate dipinte e frontoni ad arco finemente lavorati, che testimoniano anche l'antica ricchezza della città, oltre che del suo proprietario. Il museo dedicato a Copernico si sviluppa su tre piani e le due case ospitano stampe, strumenti scientifici dell'epoca, ritratti e libri. Splendido il sottotetto, che ospita un bellissimo telescopio, e la disposizione delle stanze, molto articolata, con tanto legno e scale. Insomma, la Ros vi si trasferirebbe all'istante...

Lo studio di CopernicoLa pioggia non ha mai accennato a smettere, per cui i due zuppi affiatati coniugi, dopo aver visitato ogni angolino della città e essere passati e ripassati attraverso la suggestiva Piazza del Mercato Vecchio, con il suo Municipio, la statua di Copernico e alcuni fra i più begli edifici cittadini, e la Piazza del Mercato Nuovo, ricca di bancarelle, chiuse, chioschi per bevande, chiusi, e bar, chiusi...non hanno potuto far altro che anticipare il pranzo/cena alle 18.00 e sostare nel locale per ben tre ore, dove hanno mangiato divinamente e bevuto birra come due alcolizzati non anonimi ;-D. C'è da dire che il locale non era pieno di gente, per cui i due non si sono sentiti in colpa ad indugiare al tavolo per tanto tempo e non hanno rischiato che i camerieri li prendessero a calci per mandarli via :-).Angelo dipinto su una casa di Torùn

Rinfrancati da una bella doccia e dal pancino pieno, gli sposi hanno pensato bene di alzarsi molto presto l'indomani, per tentare di scattare nuovamente qualche foto prima della partenza per Varsavia, da dove sarebbero poi ripartiti per l'Italia.

Torùn, la passeggiata continua...Alle 6.45 del mattino, in una umidissima giornata e dopo una notte poco tranquilla perchè la cascatella sarà stata pure bellina ma nel silenzio notturno sembrava quella delle Marmore quando si rompe l'interruttore per il rilascio dell'acqua, due poveri turisti malati di mente, si sono aggirati come ladri per le vie deserte di Torùn per rubare qualche scatto. Pochi incontri per strada (giusto qualche altro pirla) e tempo senza pioggia anche se non proprio bello...ma volete mettere la soddisfazione?

Dopo l'incursione nel centro storico...via con quella alla sala per il breakfast! Nulla è andato perduto...;-D. Satolli, gli sposi hanno saldato il conto e sono tornati, dopo tre ore di treno, a Varsavia per un ultimo pomeriggio, per poi partire la mattina successiva. Anche nella capitale pioggia torrenziale ma una passeggiata e una romantica cenetta per salutare la Polonia non potevano mancare, vi pare???Particolare della Piazza del Mercato Vecchio

Con questa tappa si conclude il viaggio ros-sastro in Polonia ma lei, che tra un po' dovrebbe ricevere la cittadinanza onoraria dai polacchi per la pubblicità che sta facendo al loro paese :-), resta quì a disposizione di coloro che vorranno visitare questa terra splendida, per consigli e informazioni su alloggi e trasporti.

Il capitolo "viaggi" per ora si chiude ma la Ros spera sempre di riaprirlo quanto prima...invocando il suo karma positivo ;-).

Alla prossima!!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Giugno 2017
DLMMGVS
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog